Home News Espatrio Paesi di espatrio e integrazione, testimonianza di un espatriato
Espatrio e integrazione - MRS

Paesi di espatrio e integrazione, testimonianza di un espatriato

- Pubblicato il 12 Apr 2019 Da G.Houeix

Integrarsi bene nella nuova vita all’estero: come affrontare la sfida dell’espatrio?

Agnès Salfray è una donna dinamica, sempre alla ricerca di nuove scoperte. Nel 2017, suo marito ha avuto un’opportunità professionale nella Terra del Sole Nascente. Decidono quindi di lasciare la Francia e partire con i loro 3 figli, per vivere un’esperienza di espatrio in Giappone, un paese geograficamente e culturalmente lontano dall’Europa….

Agnes ha accettato di condividere le sue esperienze, le belle sorprese, i successi, ma anche le difficoltà che ha incontrato mentre provava ad integrarsi con lo status di “espatriata francese” in Giappone.

Preparazione alla partenza

Ciao Agnes! Puoi presentarti velocemente e dirci cosa ti ha portato ad andare in Giappone come espatriato?

Ho vissuto a Londra per 4 anni all’inizio della mia carriera e l’idea di trasferirmi un giorno all’estero mi ha sedotta. Dopo quasi 20 anni di Marketing e Business Development, l’opportunità si è presentata di nuovo: mio marito poteva essere trasferito in Giappone. Un’opportunità da sogno per vivere all’estero, con la sua famiglia, in un paese per noi affascinante e così misterioso. Dopo un’attenta considerazione, mi sono butata e ho lasciato il mio paese d’origine e la mia posizione di Direttore Marketing di uno studio legale commerciale a Parigi per seguire mio marito e vivere la vita di una famiglia di espatriati a Tokyo.

Da quanto tempo stai sperimentando la vita da espatriati a Tokyo? 

Siamo arrivati a Tokyo nell’agosto 2017, dopo alcune intense settimane di preparazione per organizzare il nostro trasferimento. Lasciare la Francia e cambiare la mia vita ha richiesto un sacco di lavoro a livello personale. Ho dovuto imparare a voltare pagina velocemente, ad accettare di proiettarmi in un paese sconosciuto. Non è stato facile per me, che ho sempre dato molta importanza ai miei progetti professionali. Per quanto riguarda la famiglia, avevo meno preoccupazioni sapendo che i bambini non avrebbero perso tutti i loro riferimenti, essendo istruiti al liceo francese.

Qual è stata la tua prima impressione quando hai iniziato a vivere lì? Puoi darci alcuni fatti e costumi che ti hanno particolarmente colpita?

Ero molto eccitata dalla prospettiva di vivere in Giappone, ma prima di partire ho avuto alcune perplessità sulla vita da futuri espatriati che avremmo avuto a Tokyo, una metropoli di oltre 40 milioni di abitanti e la città più popolata del mondo! Ho scoperto una città molto ariosa e pulita, con grandi parchi magnifici, molti veicoli nuovi o addirittura elettrici, trasporti pubblici di una puntualità senza pari e soprattutto un numero incalcolabile di strade e vicoli senza traffico. Da Tokyo emerge un’incredibile serenità, tanto che i bambini fin da piccoli si spostano da soli. Un vero piacere, lontano dai luoghi comuni.  La disciplina, l’educazione e il rispetto dimostrato dai giapponesi sono incredibili.

A poco a poco inserirsi in una nuova vita da espatriato

Come è stata la tua partenza per l’espatrio e il trasferimento nel paese ospitante con la tua famiglia?

Abbiamo avuto la fortuna di poter beneficiare di un supporto su misura di un’agenzia di relocation, che ci ha permesso di lasciare la Francia, ma soprattutto di stabilirci in Giappone senza intoppi. All’ordine del giorno: viaggio di ricognizione, assistenza nella ricerca dell’alloggio, espletamento delle formalità amministrative e di immigrazione, apertura di conti bancari e linee telefoniche, formazione culturale e sui rischi, cambio patente di guida, ecc. Ci siamo subito resi conto che seguire da soli il processo di inserimento senza parlare giapponese era un compito difficile… o addirittura una missione impossibile! Le differenze culturali e i metodi operativi rendono necessaria un’assistenza e guida locale.

Dal punto di vista professionale, come è stata l’organizzazione della tua partenza per seguire tuo marito?

Dopo le mie dimissioni, si è aperta una nuova pagina e tutto restava da scrivere… Ho avuto la fortuna di aver ricevuto un’offerta dallo studio legale per il quale avevo precedentemente lavorato di lavorare in home office dal Giappon. Ho molto apprezzato poter continuare a lavorare da casa iniziando a prendere contatti professionali in loco per il futuro, soprattutto per finalizzare l’installazione e soprattutto per poter garantire la presenza con i miei bambini durante il delicato periodo di insediamento.

Trasferirsi in Giappone: alcuni consigli per facilitare l’integrazione

Quali sono, secondo te, i fattori chiave per un’integrazione di successo, soprattutto quando ti trasferisci con i bambini?

A livello personale, siamo rimasti piacevolmente sorpresi dall’accoglienza ricevuta e dalla facilità della nostra integrazione sul posto. Io e mio marito, abbiamo approfittato delle rispettive conoscenze per trarre il filo conduttore dai nostri contatti sul posto: amici stabilitisi qui, conoscenti professionali, amici di amici… L’inserimento nelle varie comunità di espatriati, soprattutto la comunità francese all’estero e anglosassone, è stato quasi immediato al nostro arrivo. Abbiamo trovato persone molto gentili e accoglienti che erano felici di poterci aiutare ad integrarci. Tuttavia, l’integrazione con la popolazione locale è stata complicata.

I bambini si sono rapidamente abituati alla vita in Giappone facendosi presto degli amici.

E com’è stata la tua integrazione nel paese? Sei riuscita a trovare lavoro? È facile trovare lavoro in Giappone quando sei francese con lo status di coniuge di espatriato? Come hai fatto?

L’idea di capitalizzare professionalmente questa fase di vita era importante per me e trovare lavoro era una sfida che mi ero posta. Ho capito subito che la padronanza del giapponese era importante in un paese in cui l’inglese è ancora poco parlato. La mancanza di competenze linguistiche potrebbe non agevolare l’inizio di una nuova carriera durante il periodo di espatrio. Così ho capito che era il momento giusto per me di iniziare un corso di lingua.Dopo alcuni contatti, mi sono rivolta ad un corso ESSEC offerto dalla CCI France Japan. Dopo un colloquio per partecipare a questa formazione, sono rimasta sorpresa di ricevere una chiamata dal Direttore Generale della CCI che aveva un posto da offrirmi.

Ho iniziato 2 settimane dopo, all’inizio di gennaio 2018!

Lavorare all’ICC è per me una grande opportunità per poter operare a livello internazionale in una struttura molto attiva e al centro delle preoccupazioni commerciali della comunità imprenditoriale franco-giapponese. La posizione che ricopro è perfettamente in linea con il mio background professionale e mi permette di gestire progetti ambiziosi ed entusiasmanti in un contesto giapponese con i leader di molti settori di attività.

Se dovessi ricominciare tutto da capo, cosa cambieresti?

Imparare la lingua dal primo giorno! Ho esitato ad iniziare ad imparare il giapponese, ma dopo alcuni mesi, rendendomi conto che era impossibile imparare (anche le basi) attraverso le interazioni quotidiane e dopo aver condotto un incontro di lavoro con i leader giapponesi di grandi gruppi, senza avere l’opportunità di eseguire alcuni rituali (consegnare il biglietto da visita in debita forma, ringraziare, ecc…), ho deciso di iniziare. A qualsiasi età, è possibile imparare una nuova lingua ed è una vera soddisfazione poter vedere i progressi del proprio apprendimento.

Se avessi un consiglio da dare ai futuri francesi espatriati in Giappone, quale sarebbe?

Questo bellissimo proverbio giapponese riassume bene il mio stato d’animo: “I no naka no naka no kawazu, taikai o shirazu”: “la rana nel pozzo non sa nulla del grande oceano… “ Questa avventura a 10 000 km dalle nostre radici è per noi particolarmente ricca, con tante belle scoperte. Un paese bellissimo, una civiltà incredibile e soprattutto tante strade da esplorare per soddisfare la nostra curiosità intellettuale: storia, relazioni internazionali, religioni, geografia, cultura aziendale, cibo, stile di vita… e cercare di capire cosa rende questo paese così unico. Tuffati!

Expatriation et intégration - MRS

 

Agnes, grazie mille per la testimonianza sulla tua esperienza in Giappone!

 

4 punti chiave per facilitare l’inserimento nel paese di espatrio

  • L’integrazione riguarda essenzialmente il lavoro, perché è lì che le interazioni sono realmente possibili. Le attività ricreative non avranno lo stesso impatto sulla nascita di relazioni con la popolazione locale! In questa testimonianza, si può vedere che i rapporti con la popolazione locale (ad eccezione delle interazioni professionali) sono molto rari.
  • Il supporto di un intermediario qualificato è essenziale per facilitare e accelerare l’insediamento. In un paese culturalmente lontano, è un must. Uno studio del 2018 ha indicato che la formazione interculturale non è una priorità nel pacchetto dei servizi resi al personale in distacco (studio Expat Insider 2018). Tuttavia, il cultural training ha un ruolo essenziale per rendere possibile e semplice la comprensione reciproca.
  • Sempre sul tema della comprensione, la lingua è un “must have” e questo già dal primo giorno. Considerare corsi di lingua prima o durante l’assignment è una buona pratica per facilitare l’integrazione nel nuovo Paese, e incoraggiare anche chi si troverà a dover imparare le lingue considerate “difficili”.
  • Infine, il network che il dipendente e il suo partner riescono a creare è fondamentale per l’integrazione. Ed è ancora meglio se sono sostenuti in questo processo da parte della loro azienda. Questo è un vero plus per soddisfare il bisogno di “socializzazione” degli espatriati e il loro bisogno di essere aiutati a costruire una rete di conoscenze all’estero. Questi sono fattori fondamentali per una buona integrazione!
Condividi questo articolo
Iscrivetevi alla nostra newsletter
e ricevete le nostre ultime notizie direttamente nella vostra inbox